Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"Trabattelli e protezione collettiva" di Luca Rossi

Pubblichiamo nella rubrica settimanale "Diario di cantiere" l'approfondimento "Trabattelli e protezione collettiva" di Luca Rossi, ingegnere, ricercatore del Laboratorio cantieri temporanei o mobili del Dipartimento Innovazioni Tecnologiche presso INAIL.

Trabattelli e protezione collettiva

I trabattelli, essendo luoghi di lavoro su superfici orizzontali, debbono essere dotati tra l’altro di idoneo parapetto che, oltre ai requisiti strutturali e dimensionali, deve possedere le caratteristiche adeguate per tener conto delle azioni trasmesse dal lavoratore in caso di appoggio contro lo stesso.

Il parapetto è costituito da:
- corrente principale,
- protezione intermedia,
- tavola fermapiede.

La UNI EN 1004 stabilisce che il corrente principale deve essere posizionato ad un altezza di almeno 1 metro (anche se è ammessa una misura minima di 95 cm).

Per leggere l'articolo completo di Luca Rossi andare al primo link.