Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Al via un'indagine civica sull’acquisto online di farmaci nell'ambito del progetto "Sicurezza è Salute"

L’indagine fa parte del progetto SAFE - Sicurezza è Salute, svolto nell’ambito del Programma Regionale 2019-2020 di tutela dei consumatori ed utenti da cinque associazioni – Cittadinanzattiva Lombardia, Lega Consumatori, MDC, U.Di.Con e UNC.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Al via un’indagine civica sull’esperienza di acquisto, ed eventualmente consumo, di farmaci e prodotti acquistati online. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i consumatori sulla contraffazione di farmaci, dagli anoressizzanti agli anabolizzanti, ma anche sui possibili rischi che scaturiscono dall’acquisto di prodotti originali ma che non rispondono a nessuna indicazione di appropriatezza terapeutica e di sicurezza.

L’indagine fa parte del progetto SAFE – Sicurezza è Salute, svolto nell’ambito del Programma Regionale 2019-2020 di tutela dei consumatori ed utenti da cinque associazioni – Cittadinanzattiva Lombardia, Lega Consumatori, MDC, U.Di.Con e UNC.

Inserito in una più ampia attività di tutela finalizzata a promuovere l’informazione e l’educazione al consumo, il progetto dedica una particolare attenzione ai giovani –studenti delle scuole secondarie di secondo grado- per i quali è previsto, grazie all’adesione degli Istituti Scolastici, un momento formativo-informativo, sulle conseguenze, anche gravi, che scaturiscono dal consumo di prodotti contraffatti o non sicuri.

"Questo percorso progettuale – dichiara Liberata Dell’Arciprete, segretario regionale di Cittadinanzattiva Lombardia, capofila del progetto – se da un lato intende, dunque, sensibilizzare i cittadini sui rischi legati all’acquisto di medicinali venduti illegalmente, dall’altro pone l’accento sulla necessità di una maggiore consapevolezza nel consumo di farmaci che non può avvenire senza un opportuno confronto con un professionista di riferimento".

I risultati dell’indagine civica sull’esperienza di acquisto e consumo di farmaci e prodotti comprati online confluiranno in un report finale.