Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Contagio da coronavirus riconosciuto come infortunio sul lavoro, un'intervista al sovrintendente sanitario centrale dell’Inail

Con la pubblicazione della Circolare n.13 del 3 aprile scorso, l’Inail ha confermato che l’infezione da nuovo Coronavirus va trattata come infortunio sul lavoro (malattia-infortunio). Quotidiano Sanità pubblica un'intervista di Domenico Della Porta a Patrizio Rossi, Sovrintendente Sanitario Centrale dell’Inail, che dipana ulteriormente la questione.

Dossier Ambiente n. 123
Con la pubblicazione della Circolare n.13 del 3 aprile scorso dell’INAIL, in cui si conferma il riconoscimento di infortunio sul lavoro da contagio provocato dal nuovo Coronavirus, i 1.637 infortuni sul lavoro, accaduti nel comparto sanità e denunciati all’Istituto assicuratore nel mese di febbraio 2020, supereranno i 10.000 casi già nel mese di marzo.

Di fronte a perplessità e dubbi venuti fuori negli ultimi giorni sull’incertezza interpretativa del documento, la nota dell’INAIL della Direzione Centrale Rapporti Assicurativi e della Sovrintendenza Sanitaria Centrale del 17.03.2020, chiarisce senza mezzi termini che l’infezione da nuovo Coronavirus va trattata come infortunio sul lavoro (malattia-infortunio).

Per dipanare ulteriormente la questione, Quotidiano Sanità pubblica un'intervista in cui Domenico Della Porta chiede a Patrizio Rossi, Sovrintendente Sanitario Centrale dell’Inail, di delucidare alcuni concetti.

Dottor Rossi quali sono i casi in cui per un lavoratore contagiato da Coronavirus scattano le procedure per catalogare l'evento come infortunio sul lavoro?
Per prima cosa occorre richiamare l’attenzione sul presupposto tecnico-giuridico, che è quello della equivalenza tra causa violenta, alla base di tutti gli infortuni, e causa virulenta, costituita dall’azione del nuovo Coronavirus. Sono da ammettersi a tutela Inail tutti i casi in cui sia accertata la correlazione con il lavoro ed in alcune categorie, per le quali si sia estrinsecato il cosiddetto rischio specifico, come gli operatori sanitari, vale la presunzione di esposizione professionale. Per gli eventi riguardanti gli altri casi si applicherà l’ordinaria procedura di accertamento medico-legale che si avvale essenzialmente dei seguenti elementi: epidemiologico, clinico, anamnestico e circostanziale.

Dottor Rossi, quali sono le categorie di lavoratori che si avvalgono della presunzione semplice?
Innanzitutto rientrano appieno nell’assunto di rischiosità specifica le fattispecie riguardanti gli operatori sanitari. Nell’attuale situazione pandemica, detto rischio specifico connota anche altre attività lavorative che comportano il costante contatto con il pubblico/l’utenza: lavoratori che operano in front-office, alla cassa, addetti alle vendite/banconisti, personale non sanitario operante all’interno delle strutture sanitarie con mansioni tecniche, di supporto, di pulizie, operatori del trasporto infermi, etc.. Tale elenco, anticipato anche nella circolare Inail n. 13, è solo esemplificativo, ma non esaurisce la numerosità delle categorie che possono avvalersi sempre della presunzione di esposizione professionale.

Ma tra le altre categorie con rischio specifico rientrano operatori socio-sanitari delle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) e i Tassisti?
“Tali categorie, in parte già esplicitate nell’elenco esemplificativo proposto in circolare, rientrano appieno anch’esse tra quelle di lavoratori con elevato rischio di contagio per le quali far valere la presunzione di esposizione professionale.”

La tutela Inail opera anche per altri lavoratori?
Certamente sì; sono ammessi a tutela tutte le altre categorie di lavoratori che esercitano attività, compiti e mansioni diversi anche per le modalità stesse di espletamento. Per questo amplissimo raggruppamento di lavoratori, non potendosi far valere la presunzione di origine professionale, l’assunzione in tutela seguirà al positivo accertamento medico-legale.
Quest’ultimo sarà ispirato all’ordinaria procedura medico-legale, privilegiando sempre gli elementi: epidemiologico, clinico, anamnestico e circostanziale.
Inoltre, l’infezione da coronavirus tutelabile può essere derivata anche da infortunio in itinere per gli operatori sanitari.