Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Fise Assoambiente lancia una campagna di comunicazione sul contrasto del fenomeno del littering

L’abbandono di piccoli rifiuti in aree pubbliche è un problema diffuso ed è indice di un degrado non solo ambientale ma anche culturale. Il littering rivela una relazione sbagliata con l'ambiente circostante. Assoambiente, non nuova a iniziative di educazione ambientale, lancia la campagna #NoLittering. Non abbandonare i rifiuti!

E' partita l'11luglio la nuova campagna di comunicazione sui social media #NoLittering. Non abbandonare i rifiuti!, promossa da FISE Assoambiente, l’Associazione delle imprese che operano nei servizi di igiene ambientale, di recupero e smaltimento dei rifiuti e delle bonifiche.

La campagna, attraverso immagini e brevi video, mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sul fenomeno del littering (l’abbandono in aree pubbliche di piccoli rifiuti come cartacce, bottiglie, gomme da masticare e mozziconi di sigarette) in un periodo dell’anno in cui si vive di più a contatto diretto con ambienti naturali come boschi e spiagge o nelle vie dello shopping e in cui, quindi, aumenta il rischio che i rifiuti vengano abbandonati o gettati con noncuranza.

"Il littering è un problema diffuso", osserva il Direttore FISE Assoambiente - Elisabetta Perrotta, "ed è indice di un degrado non solo ambientale ma anche culturale. L'abbandono dei rifiuti è un problema di consapevolezza del rapporto con l'ambiente in cui viviamo. La Campagna che abbiamo avviato oggi intende coinvolgere gli utenti dei social network, facendo riflettere sulle conseguenze di un comportamento spesso sottovalutato, ma estremamente dannoso per l’ambiente e dagli alti costi sociali. Quest’iniziativa si iscrive in un più ampio impegno dell’Associazione in attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica in campo ambientale".

Con immagini attenzionali e creative si fa leva sulla dicotomia ambiente naturale e rifiuto, creando con un’estrema sintesi un contrasto visivo dal forte impatto empatico. I video, attraverso un taglio più didascalico, saranno più immediati e seguiranno la logica del gioco "Trova l’intruso", accompagnando chi li guarda nel riconoscimento dell’elemento estraneo che purtroppo sempre più spesso ritroviamo nei vari ambienti naturali, come spiagge, mari, laghi, fiumi, campagne, città e boschi.

La campagna durerà fino alla fine di agosto e sarà visibile sui canali social Assoambiente, oltre che sul sito www.assoambiente.org, dove sarà disponibile per tutti gli utenti un approfondimento dedicato al tema #nolittering.