Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Gli impegni presi dall'Unione Europea nell'ambito della conferenza "Our Ocean 2017"

L'Unione Europea si è impegnata a realizzare 36 azioni concrete volte a migliorare lo stato di salute, la pulizia e la sicurezza dei mari.

Nel corso della conferenza "Il nostro oceano" (Malta, 5-6 ottobre 2017), l'Unione Europea si è impegnata a realizzare 36 azioni concrete volte a migliorare lo stato di salute, la pulizia e la sicurezza dei mari. Tali impegni, che corrispondono ad oltre 550 milioni di euro e prevedono attività in tutto il mondo, evidenziano la determinazione dell'UE a migliorare la situazione dei mari e a inviare un segnale positivo di incoraggiamento al resto del mondo (tanto governi quanto settore privato) affinché intensifichi i propri sforzi e affronti i crescenti problemi degli oceani, dall'inquinamento causato dai rifiuti di plastica alla tutela della vita marina, dalle conseguenze dei cambiamenti climatici alle attività criminali in mare.

I 36 impegni dell'UE interessano i seguenti ambiti:

- sicurezza marittima, fondamentale per gli scambi e la prosperità mondiali che è attualmente minacciata da catastrofi naturali, pirateria, traffici e conflitti armati;

- inquinamento marino che rappresenta un problema gravissimo se si pensa che ogni anno finiscono in mare oltre 10 milioni di tonnellate di rifiuti (entro il 2050 gli oceani potrebbero contenere più plastica che pesci);

- economia blu sostenibile, attualmente stimata a 1 300 miliardi di euro, dovrebbe raddoppiare secondo le previsioni entro il 2030 (questo tema affrontato nell'edizione di quest'anno della conferenza "Il nostro oceano" per promuovere maggiori sinergie tra le soluzioni sostenibili per gli oceani e favorire la crescita economica e l'occupazione nelle comunità costiere del mondo);

- cambiamento climatico che si ripercuote in modo diretto e immediato sugli oceani (tra i suoi effetti più allarmanti figurano l'innalzamento del livello dei mari e una crescente acidificazione);

- tutela dell'ambiente marino, meno del 5% delle zone marine e costiere del mondo è attualmente tutelato dalla legge e la zona di applicazione effettiva è ancor più limitata, nonostante l'obiettivo di tutela del 10% entro il 2020 fissato dalle Nazioni Unite;

- pesca sostenibile, presupposto indispensabile per garantire alle generazioni future un accesso ininterrotto a prodotti ittici nutrienti e in quantità sufficiente.

Per leggere nel dettaglio i 36 impegni andare alla notizia completa al primo link.