Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

I risultati di un sondaggio internazionale sulla percezione dell’emergenza coronavirus da parte dei cittadini europei

Un sondaggio relativo alle percezioni, preoccupazioni, opinioni e previsioni dei cittadini in merito all’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19, vede gli italiani più preoccupati ma anche più fiduciosi nelle iniziative varate dal Governo, più diligenti nel rispetto delle misure precauzionali e più favorevoli alla rinuncia di diritti fondamentali pur di contenere il contagio rispetto a cittadini di altri Paesi europei (Francia, Regno Unito e Germania).

Dossier Ambiente n. 123
ANES mette a disposizione un estratto dei principali risultati di un sondaggio internazionale sull'attuale sentiment in alcuni paesi europei in merito all’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19.

L’indagine è stata promossa da Gallup International e realizzata da BVA Doxa per la parte italiana

CORONAVIRUS: PREOCCUPAZIONI, OPINIONI E PREVISIONI IN ITALIA, FRANCIA, UK E GERMANIA

Principali highlights della ricerca:
• Il 90% degli italiani ha paura del contagio, percentuale più alta tra i paesi europei
• In Italia livelli record di fiducia al governo per la gestione dell’emergenza: il 72% dei cittadini esprime valutazioni positive
• Il 77% degli italiani ritiene che la crisi non vada sottovalutata, mentre la Germania è il paese più scettico: per tre tedeschi su cinque la reazione all’emergenza è esagerata
• Pur di contenere il contagio, il 93% degli italiani è disposto a rinunciare ai propri diritti fondamentali
• Misure precauzionali, gli italiani i più rigorosi in Europa: il 93% resta a casa
• Resistono le teorie del complotto: per un italiano su quattro il virus è frutto di una forza esterna

Fonte: ANES