Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

INAIL pubblica un volume sulla tutela dei lavoratori adibiti alle attività di montaggio e smontaggio nel settore degli spettacoli

Il volume "Formazione e addestramento per la salute e sicurezza di Scaffolder e Rigger nel settore degli spettacoli e dell’intrattenimento" fornisce indicazioni concernenti la formazione e l’addestramento di due particolari figure professionali, i Rigger e gli Scaffolder, spesso operanti nell’ambito del settore degli spettacoli e dell’intrattenimento, svolgendo attività lavorative connotate da una particolare complessità.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Il volume "Formazione e addestramento per la salute e sicurezza di Scaffolder e Rigger nel settore degli spettacoli e dell’intrattenimento", edito dall'Inail, fornisce, in relazione a quanto previsto dal “decreto palchi e fiere” del 22 luglio 2014 e dalla relativa Circolare ministeriale esplicativa, indicazioni concernenti la formazione e l’addestramento di due particolari figure professionali, i Rigger e gli Scaffolder, spesso operanti nell’ambito del settore degli spettacoli e dell’intrattenimento, svolgendo attività lavorative connotate da una particolare complessità.

Le attività dello Scaffolder e del Rigger possono essere svolte in molteplici luoghi, pubblici e privati, al chiuso e all’aperto, attrezzati e da attrezzare. In tali contesti, il lavoro di Scaffolder e Rigger consente di realizzare strutture temporanee e allestimenti più o meno complessi, finalizzati alla realizzazione di eventi per lo spettacolo.
Nell’ambito di tali contesti possono svolgersi attività alle quali si applicano le disposizioni di cui al Titolo IV del d.lgs. n. 81/2008, avuto riguardo alle previsioni specifiche di cui al decreto 22 luglio 2014, o alle quali si applicano le disposizioni di cui all’art. 26 del d.lgs. n. 81/2008. In entrambi i casi trovano attuazione i percorsi formativi specialistici più avanti indicati.

Fonte: INAIL