Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Legambiente, gli appuntamenti di "Spiagge e fondali puliti 2018"

Ogni anno, nell'ultimo weekend di maggio, prende vita la campagna di volontariato di Legambiente "Spiagge e fondali puliti" per liberare le spiagge e i fondali italiani dai rifiuti abbandonati.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
Nell'ultimo weekend di maggio ogni anno prende vita la campagna di volontariato di Legambiente "Spiagge e fondali puliti" per liberare le spiagge e i fondali italiani dai rifiuti abbandonati. i circoli di Legambiente radunano lungo le coste del Mediterraneo migliaia di volontari per liberare le spiagge e fondali dai rifiuti abbandonati.
Un gesto civile che esprime il senso di appartenza ai luoghi in cui si vive la consapevolezza che senza partecipazione non è possibile migliorare la qualità ambientale e culturale dei territori.

I rifiuti, per la maggior parte plastica, che finiscono nel mare e sulle spiagge costituiscono un’emergenza ambientale ormai nota. Se non si interverrà in maniera decisa, secondo le più recenti proiezioni scientifiche, nel 2050 in mare ci saranno più rifiuti di plastica che pesci. E il Mediterraneo è una delle aree più colpite al mondo: ogni giorno finiscono in mare 731 tonnellate di rifiuti (dati UNEP). La cosa positiva è che anche i cittadini possono fare molto per il mare italiano tenendo alta l'attezione sul tema e promuovendo comportamenti civili e sostenibili.

Legambiente invita ad unirsi agli appuntamenti di Spiagge e fondali puliti per liberare le spiagge dai rifiuti e condividere una giornata bella e utile contro i rifiuti abbandonati, per il bene comune.

Spiagge e fondali puliti ha permesso negli anni di raccogliere migliaia di rifiuti abbandonati, ma non solo, i rifiuti spiaggiati sono stati studiati e catalogati con metodo scientifico. Questo ha permesso a Legambiente di diventare un soggetto riconosciuto e autorevole sul tema dei rifiuti marini e delle plastiche a livello internazionale e ha consentito la presentazione dell’indagine sul marine litter in molte città europee nell’ambito di iniziative e convention sull’ambiente, fino alla conferenza mondiale ONU sugli oceani che si è svolta a New York nel giugno 2017. Risultati importanti raggiunti da Legambiente grazie al contributo di tutti i volontari.