Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Norme UNI ISO 37106 e UNI ISO 37120, città e comunità sostenibili

Pubblicate le norme UNI ISO 37106:2019 “Città e comunità sostenibili - Guida per stabilire modelli operativi di città intelligenti per comunità sostenibili” e UNI ISO 37120:2019 “Città e comunità sostenibili - Indicatori per i servizi urbani e la qualità di vita”.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
La Commissione Responsabilità sociale delle organizzazioni - Città, comunità e infrastrutture sostenibili si è occupata dell’adozione anche in lingua italiana delle ISO 37106 e ISO 37120.

La norma UNI ISO 37106:2019 “Città e comunità sostenibili - Guida per stabilire modelli operativi di città intelligenti per comunità sostenibili” fornisce una guida ai leader delle città e comunità intelligenti - dal settore pubblico, privato e volontariato - su come sviluppare per la loro città un modello operativo aperto, collaborativo, incentrato sui cittadini e abilitato al digitale, che metta in pratica la sua visione di un futuro sostenibile.

Il documento non descrive un modello unico per il futuro delle città. Piuttosto, l'attenzione è focalizzata sui processi di abilitazione attraverso i quali l'uso innovativo della tecnologia e dei dati, unito al cambiamento organizzativo, può aiutare ogni città a realizzare la propria visione specifica per un futuro sostenibile in modi più efficienti, efficaci e agili.

Inoltre, fornisce strumenti comprovati che le città possono utilizzare per rendere operativa la visione, la strategia e l'agenda politica che hanno sviluppato a seguito dell'adozione della norma ISO 37101, il sistema di gestione per lo sviluppo sostenibile delle comunità. Può anche essere utilizzato, in tutto o in parte, dalle città che non si sono impegnate nell'implementazione del sistema di gestione ISO 37101.

La UNI ISO 37106 aiuta le città a realizzare la loro visione di futuro sostenibile, fornendo un corredo di strumenti di "prassi intelligenti" per la gestione della governance, dei servizi, dei dati e dei sistemi nell'ambito della città in modo aperto, collaborativo, incentrato sui cittadini e abilitato al digitale. Definisce un "modello operativo intelligente" per le città, che consente loro di rendere operativa la propria visione, la propria strategia e le proprie politiche più rapidamente, con maggiore agilità e con minori rischi associati alla realizzazione. Ciò significa, in particolare, concentrarsi sulla possibilità per le città di:
a) fare in modo che le esigenze attuali e future dei cittadini costituiscano la forza motrice del processo decisionale in materia di investimenti, della pianificazione e della realizzazione di tutti gli spazi e sistemi urbani;
b) integrare la pianificazione fisica e digitale;
c) identificare, anticipare e rispondere alle sfide emergenti in modo sistematico, agile e sostenibile;
d) creare all'interno della città un cambiamento graduale nella capacità di erogazione congiunta e di innovazione entro i confini organizzativi.

La norma UNI ISO 37120:2019 “Città e comunità sostenibili - Indicatori per i servizi urbani e la qualità di vita” definisce e stabilisce metodologie per un insieme di indicatori per orientare e misurare la prestazione dei servizi urbani e la qualità di vita. Il documento segue i principi stabiliti nella norma ISO 37101 e può essere usata insieme alla norma ISO 37101 e altri quadri di riferimento strategici.

È applicabile a qualsiasi città, comune o governo locale che si impegna a misurare le proprie prestazioni in un modo comparabile e verificabile, indipendentemente dalle dimensioni e dalla posizione geografica.

In particolare gli indicatori e i metodi di prova associati sono stati sviluppati per aiutare le città a:
a) misurare la gestione delle prestazioni dei servizi urbani e la qualità di vita nel tempo;
b) imparare gli uni dagli altri consentendo il confronto tra un'ampia gamma di misure di prestazione, e
c) sostenere lo sviluppo delle politiche e la definizione delle priorità.

Fonte: UNI