Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Nuovo Piano di Azione Nazionale (PAN) per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, aperta la consultazione pubblica

Considerati i risultati del primo ciclo di applicazione del Piano di Azione Nazionale (PAN) per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari è stata predisposta dai Ministeri coinvolti una nuova proposta di PAN di azione quinquennale per sostituire quello attualmente in vigore. La fase di consultazione pubblica si concluderà il 15 ottobre 2019.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Il Piano di Azione Nazionale (PAN) per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (Decreto interministeriale del 22 gennaio 2014) viene aggiornato periodicamente secondo quanto previsto dalla Direttiva 2009/128/CE e dal decreto legislativo n. 150 del 14 agosto 2012.

Considerati i risultati del primo ciclo di applicazione del Piano e di quanto segnalato dai portatori di interesse, con il supporto del Consiglio Tecnico Scientifico istituito con decreto legislativo n. 150/2012 articolo 5, è stata predisposta una nuova proposta di Piano di azione quinquennale che sostituisce integralmente quello attualmente in vigore.

Durante la fase di consultazione del pubblico è disponibile la bozza del PAN sui siti istituzionali dei Ministeri delle Politiche agricole, dell’Ambiente e della Salute per consentire a chiunque voglia partecipare alla consultazione (associazioni, portatori di interesse, istituzioni, enti di ricerca, imprese e singoli cittadini) di trasmettere eventuali osservazioni.

La fase di consultazione, si concluderà il 15 ottobre 2019 e tutti i contributi pervenuti saranno valutati per la stesura definitiva del nuovo Piano d’Azione Nazionale che verrà successivamente inviato alla Commissione europea.