Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Terza indagine europea tra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER-3)

Pubblicate le conclusioni preliminari della terza indagine europea tra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER-3). Rischi psicosociali e sedentarietà sono fattori di rischio segnalati frequentemente nell’ambito dell’indagine.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Dover gestire persone difficili, effettuare movimenti ripetitivi del braccio e della mano, sollevare e spostare persone o carichi pesanti sono ancora segnalati frequentemente dalle imprese come fattori di rischio per la salute dei lavoratori in tutta Europa. Ecco quanto emerge dalle conclusioni preliminari della terza indagine europea tra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER-3).

Le conclusioni del 2019 si basano su interviste in oltre 45 000 imprese di tutte le dimensioni e settori in 33 paesi europei.

Le domande supplementari incluse nel questionario 2019 apportano una nuova prospettiva in merito ai rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro (SSL) emergenti: ad esempio l’impatto della digitalizzazione o la sedentarietà prolungata, che, secondo l’indagine ESENER-3, è ora il terzo fattore di rischio per frequenza segnalato dalle imprese europee.

Dal confronto con i risultati dell’indagine ESENER-2 del 2014 si evincono le tendenze a livello nazionale ed europeo non solo relative ai fattori di rischio, ma anche alla gestione della SSL, nonché le barriere e i fattori trainanti correlati. La partecipazione dei lavoratori nella gestione dei rischi psicosociali, ad esempio, è diminuita in alcuni paesi, nonostante sia riconosciuta l’importanza dell’approccio partecipativo nell’affrontare tali rischi sempre più frequenti. D’altro canto, è incoraggiante notare che la percentuale di stabilimenti che effettuano valutazioni del rischio è aumentata in alcuni paesi.

Questa fonte di dati unica rappresenta uno strumento prezioso, ideato per orientare lo sviluppo di nuove politiche e per aiutare a gestire meglio la SSL negli ambienti di lavoro. Dal 2020 sarà disponibile una serie di pubblicazioni e un nuovo strumento di visualizzazione dei dati relativi ai risultati dell’indagine.

Terza indagine europea fra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER 3)
SINTESI
La presente relazione illustra la prima analisi dei principali risultati e conclusioni della terza edizione dell’indagine ESENER dell’EU-OSHA, realizzata nel 2019. A più di 45 000 stabilimenti in 33 paesi sono state chieste informazioni sulla loro attuale gestione della sicurezza e della salute sul lavoro (SSL), compresi i principali fattori trainanti e gli ostacoli a una gestione efficace e alla partecipazione dei lavoratori.
L’indagine si concentra in particolare sulla gestione dei rischi psicosociali, quali lo stress e le molestie legati al lavoro, e comprende inoltre domande sulla digitalizzazione. Adottando una visione olistica delle pratiche attuali in materia di SSL in Europa, i risultati dell’indagine mirano a contribuire a plasmare le nuove politiche in materia di SSL e a garantire una gestione più efficace dei rischi nei luoghi di lavoro europei.

Fonte: EU-OSHA