La campagna “DatiBeneComune” compie un anno

La campagna #DatiBeneComune compie un anno. La campagna continua a crescere ma le istituzioni non restano al passo con le richieste della società civile che chiede i dati e le informazioni per il monitoraggio dell’utilizzo delle risorse del PNRR.

Nel novembre del 2020, nel pieno della seconda ondata della pandemia, nasceva la campagna #DatiBeneComune per chiedere al Governo maggiore trasparenza sui dati legati al COVID-19. Ondata, ActionAid e Transparency International Italia hanno dato il via alla prima grande campagna per la trasparenza e l’accessibilità delle informazioni di interesse pubblico in Italia. Un anno dopo #DatiBeneComune festeggia il primo compleanno insieme alle oltre 250 organizzazioni e agli oltre 53.000 cittadini che hanno deciso di sostenere la campagna.

Nell’ultimo anno ci sono stati piccoli ma decisivi traguardi raggiunti grazie alle richieste della campagna: i contenuti di EpiCentro e di tutto il sito dell’Istituto Superiore di Sanità sono diventati bene comune e quindi riutilizzabili grazie alla sostituzione della vecchia licenza, che impediva la pubblicazione di qualsiasi opera derivata, con quella attuale che consente di condividere e modificare il materiale. Lo stesso è accaduto per il sito del Ministero della salute lo scorso maggio, mentre i verbali del Comitato Tecnico Scientifico sono stati pubblicati in un formato pdf accessibile solo a seguito delle nostre segnalazioni.
Tanti piccoli passi avanti riconosciuti anche dal Dipartimento della Funzione Pubblica che ha assegnato alla campagna il premio OpenGov Champion per aver saputo valorizzare i principi di trasparenza, open data e partecipazione.

A distanza di un anno gli sforzi del Governo non sono però ancora sufficienti e non restano al passo delle richieste che provengono da più parti: comunità scientifica, giornalisti, organizzazioni della società civile, cittadini e cittadine. In un contesto in cui si pongono nuove sfide, legate alla pandemia ma soprattutto al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, c’è bisogno di un impegno maggiore da parte delle istituzioni e per questo le organizzazioni di #DatiBeneComune hanno deciso di orientare gli sforzi dei prossimi mesi su questo tema.

“La trasparenza degli investimenti e delle attività delle istituzioni nell’ambito del PNRR è cruciale affinché i soldi vengano spesi in maniera adeguata. Non possiamo permetterci inefficienze, malagestione e illeciti nell’utilizzo di queste risorse. Per prevenire tutto ciò abbiamo una sola soluzione: l’apertura dei dati – ha dichiarato Andrea Borruso, Presidente di OnData – questa è la prima e imprescindibile azione che le istituzioni devono mettere in campo per assicurare un monitoraggio diffuso delle azioni che verranno intraprese e garantire ai cittadini il successo degli investimenti e le opportunità che si meritano dopo due anni di pandemia”.

#DatiBeneComune chiede dunque al Governo e al Parlamento di intensificare i propri sforzi sul fronte dell’apertura dei dati, per migliorare il dialogo con i cittadini e riconquistare la loro fiducia attraverso la massima trasparenza delle proprie azioni.

In particolare chiede:
– la creazione di un portale open data con tutte le informazioni riguardanti l’utilizzo delle risorse del PNRR in formato aperto, machine-readable e con una licenza che ne permetta il riutilizzo;
– la costituzione di un tavolo di lavoro istituzionale sul tema della trasparenza e accessibilità delle informazioni, a cui possa partecipare una rappresentanza della società civile, al fine di delineare le migliori strategie sul tema e un efficace monitoraggio dell’implementazione;
– un maggiore coinvolgimento della società civile nell’ambito del monitoraggio degli investimenti e delle riforme che verranno attuati nell’ambito del PNRR, in linea con le richieste dell’Osservatorio Civico PNRR di cui la campagna fa parte.

La community di #DatiBeneComune e tutti i cittadini e cittadine possono contribuire a definire le richieste e a delineare i dati di cui c’è bisogno. Per questo è stata aperta una call to action #Liberaildato in cui chiunque può segnalare i dati e le informazioni che ritiene debbano essere pubblicate sul PNRR e che ancora non lo sono.

Fonte: DatiBeneComune

Vai alla notizia completa…

Precedente